Torna alle NEWS

Il Santo del secolo dei Lumi

Libri in deposito

Theodule Rey-Mermet

Il Santo del secolo dei Lumi

dalla sovracopertina

« S. Alfonso de Liguori (1696-1787) è un gigante non solo della storia della spiritualità, ma della storia tout court. Eppure l’epoca nostra cofferebbe il rischio di dimenticarlo, se un libro attento e ricco come questo non venisse opportunamente a ricordarcelo » (J. Delumeau).


In realtà questo libro del P. Théodule Rey-Mermet è veramente opportuno, perché viene a colmare una lacuna che, di anno in anno, si è fatta grave. Malgrado i numerosi studi settoriali sul suo pensiero e sulla sua azione, non abbiamo da troppo tempo una ricostruzione globale della vita del Santo della preghiera e della giusta libertà in morale, che tanto ha segnato la vita della Chiesa, soprattutto nel nostro Meridione, a partire dalla seconda metà del Settecento.


Le pagine del P. Th. Rey-Mermet, saldamente ancorate ai risultati delle ricerche storiche più recenti, seguire passo passo l’avventura di Alfonso de Liguori: dall’ambiente familiare e dalla sua prima formazione alla precoce pratica forense, dalla scelta per il sacerdozio a quella di dedicarsi totalmente agli abbandonati dalla società e dalla stessa Chiesa, dai primi difficili passi di fondatore dei Redentoristi al consolidarsi della sua nuova famiglia religiosa, dalla sua permettono di seattività di vescovo di S. Agata dei Goti a quella di scrittore dal successo rapido anche al di là delle Alpi.


Emerge cosí in tutta la sua statura come Il Santo del secolo dei Lumi non solo cronologicamente, ma soprattutto per il coraggioso impegno per la promozione della persona, della ragione, della libertà. Dell’Europa cristiana dei Lumi, Alfonso ci si svela come figura di primo piano, con in piú un profondo radicamento nella tradizione, una chiarezza e un calore non solo per una striminzita élite, ma anche e soprattutto per le masse popolari della Chiesa universale.


Il libro si presenta perciò non solo come il racconto della vita di Alfonso de Liguori, ma come uno spaccato attento e ricco della vita ecclesiale e socio-religiosa del Settecento.


Lo stile è tale da farne leggere d’un fiato interi capitoli. « Il lettore sarà colpito dalla gioia dello stile e dal ritmo vigoroso, perché questa biografia sapiente è condotta a tamburo battente, ma nella gioia.


Essa è anche vissuta dall’interno, trattandosi evidentemente di una storia “impegnata”, perché di un Redentorista che vive la propria vocazione attraverso quella del fondatore e il discepolo ama e ammira il maestro. Ma c’è modo migliore per farlo comprendere? » 

(J. Delumeau).

 

Citta Nuova - Roma 1990

P. Theodule Rey-Mermet, 1910-2002

Storico e Missionario redentorista

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su print
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su google
Condividi su twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *